Pagine

mercoledì 13 luglio 2011

IN UNO STATO DI GRAZIA

Con l'esame teorico finale sulla sicurezza nel tiro con l'arco i nostri allievi hanno completato una parte del loro percorso di apprendimento delle tecniche di tiro.
L'opportunità di stare al fresco sotto i decennali pioppi del centro polisportivo di Zelarino è stata offerta dalla temporanea costrizione di rinuncia ai nostri bellissimi gazebi.
Per sanare questa situazione logistica, generata in tarda origine da incomprensioni tra le parti amministrative, potremo continuare i tiri sotto il sole o sotto la pioggia ancora per un po'.

Per fortuna le soddisfazioni non mancano.
Allievo: "Posso tirare a diciotto?"
Master: "Si, ma attento a non uscire dal paglione"
Due X e un 10. Trenta! A diciotto metri con quella attrezzatura da scuola?! (Arco nudo).
La punizione non è tardata a venire. L'allievo ha dovuto pagare gli "spritz".

Complimenti Davide. Nel tiro con l'arco non esiste la fortuna ma solo uno stato di grazia per cui tutto è possibile. Tutti noi ricordiamo quando ci è successo. E' nella ricerca della ripetizione del tiro perfetto che risiede l'entusiasmo per la disciplina del Tiro con l'arco.

1 commento:

  1. Ma non vi rendete conto che ci sono soci che si qualificano ai Campionati Italiani con punteggi di assoluto rilievo? Allora informo io chi legge questo blog. Al momento Libero Emanuela è 13esima in ranking con un ottimo 1344 e un 1330. Giosef Costa è al momento 59esimo (quindi a dieci punti dalla qualificazione) con due 1327.

    RispondiElimina